La luna, il cibo e i falò” non è un libro “di cucina”, ma un libro che “parla della cucina”, di quella cucina che traspare dalle opere di Cesare Pavese, che non sono racconti di cucina, ma da essa sono fortemente permeati.
Cesare Pavese è diventato un’icona del turismo enogastronomico. Il suo nome, insieme a quello di Fenoglio, viene utilizzato come sostegno per molte presentazioni di quell’eden di cibi e di vini che sono diventate le Langhe. Citazioni tratte dalle sue opere le ritroviamo accostate a ristoranti, vini, tartufi, inserite in tante promozioni turistiche. In buona parte della sua opera c’è un forte radicamento verso quest’area piemontese, che si è manifestato attraverso pagine notissime con rappresentazioni di paesaggi, riti, persone, stagioni di un mondo rurale così com’era più di cinquant’anni fa. Pavese pur immerso in questo specifico microcosmo geografico e sociale appare a prima vista carente come narratore delle abitudini alimentari del mondo contadino. Il cibo fa capolino solo in modo occasionale. I suoi personaggi, soli o in compagnia, mangiano, certo, però è pressoché assente una loro precisa caratterizzazione gastronomica. Una attenta ricognizione delle sue pagine dimostra invece che la presenza del cibo ha un ruolo niente affatto marginale.

La luna il cibo e i falò. La cucina sulle colline di Cesare Pavese – Giovanni Casalegno